Un breve video per capire come funzionano i diffusori di oli essenziali

Video: Come funzionano i diffusori di oli essenziali a ultrasuoni

Come funzionano i diffusori di oli essenziali a ultrasuoni

Occupiamoci di diffusori di oli essenziali ad ultrasuoni. I modelli sul mercato sono apparentemente tutti uguali ma in realtà può cambiare molto in termini di durata ed affidabilità. Tutti vengono fabbricati in Cina o estremo oriente. Come sempre è buona regola diffidare da prezzi troppo bassi.

I diffusori ad ultrasuoni funzionano attraverso una piastrina ceramica che emette ultrasuoni (non percettibili né dall’orecchio umano né da quello di cani e gatti). Questi ultrasuoni spezzano le molecole dell’acqua e le trasformano in un sottile fumo che viene spinto all’esterno del diffusore da una ventola. I modelli più economici sono privi di questa ventola e quindi emettono meno fumo e tendono a bagnate la zona circostante.

I diffusori funzionano sempre ad elettricità normalmente con un trasformatore che converte il voltaggio da 220 o 110 a 12 o 24 volt. Possono avere spinotti lineari o a T.

Una volta tolto il coperchio al diffusore si riempie il serbatoio con acqua. Visto l’alto contenuto di calcare presente nei nostri acquedotti è consigliato utilizzare acqua minerale in bottiglia per evitare che il calcare a lungo andare danneggi il diffusore. La quantità massima d’acqua può variare fra i 50 ed i 200 ml. ed è sempre indicata da una linea o da un gradino. Non superate la linea massima o il diffusore rischia di non riuscire a generare vapore e quindi a non funzionare.

Attenzione a non far entrare acqua dalla presa d’aria superiore quando si riempie il diffusore o quando lo si svuota magari per cambiare l’olio essenziale. Per evitarlo prendete l’abitudine di posizionare il pollice a copertura della presa d’aria.

Se l’acqua penetra d questa apertura entra nel cuore elettronico del diffusore e lo danneggia irreparabilmente. I centri assistenza se ne accorgono in pochi istanti e si tratta di un danno che non è mai coperto dall’assicurazione.

Dopo aver inserito l’acqua è la volta dell’olio essenziale. Scegliete il vostro olio preferito o ancora meglio una miscela di oli essenziali. Versate alcune gocce, senza esagerare! A seconda del tipo di olio scelto e dell’intensità desiderata versate fra le sei e le otto gocce.

Se gli oli essenziali sono puri, non sono idrosolubili, non si sciolgono cioè in acqua. Quindi galleggiano sulla superficie ma riescono comunque ad essere trasportati dalle molecole dell’acqua e a profumare l’ambiente.

Una volta riempito il serbatoio riposizionate il coperchio e l’eventuale copertura esterna ed accendete il diffusore con il tasto apposito. Il diffusore funziona solo con l’acqua. Non provate mai ad usarlo con solo olio essenziale se manca acqua.

Non fate mai funzionare il diffusore senza il suo coperchio o l’acqua entrerà nelle prese d’aria danneggiando l’apparecchio.

I diffusori possono avere uno o più tasti frontali o un bottone nascosto nella base. Normalmente il primo clic fa partire il diffusore e la luce, il secondo click blocca la luce sul colore preferito, il terzo spegne la luce il quarto spegne l’apparecchio.

Ma tutto dipende dal modello e dalle funzioni.

Talvolta al posto della luce esiste un timer.

Una volta avviato il diffusore il vapore inizia a fuoriuscire dopo pochi istanti. In inverno se l’acqua e molto fredda ci può volere qualche istante in più. Tutti i diffusori hanno un sistema di protezione e quando l’acqua finisce si spengono da soli (talvolta prima lampeggiano per qualche minuto e poi si spengono).

Se il vapore non esce verificate di aver ben posizionato il coperchio, indispensabile per un corretto funzionamento.

Buona aromaterapia

Condividi questo post

Comments (18)

  • Fabio rispondere

    Quando lo accendo il mio gatto scappa dalla stanza. Vi risulta? Sono stati testati gli effetti sugli animali?

    6 Gennaio 2018 a 14:19
    • Redazione rispondere

      Normalmente le frequenze degli ultrasuoni non dovrebbero creare problemi agli animali. Può darsi però che il suo diffusore utilizzi delle frequenze che il suo gatto percepisce e che lo infastidiscono. Strano, ma possibile. Oppure il gatto potrebbe essere infastidito dall’olio essenziale utilizzato.

      6 Gennaio 2018 a 14:26
  • Roberto rispondere

    Buonasera.. al mio diffusore si è rotta la ceramica che produce gli ultrasuoni. Siccome il diffusore è un regalo di una persona cara, c’è la possibilità di reperire la ceramica? (Che ho già smontato)

    31 Marzo 2018 a 16:18
    • Redazione rispondere

      Normalmente non è prevista la possibilità di sostituire la “pastiglia ceramica” soprattutto nel diffusori più recenti. Solo pochi modelli lo permettono. Eventualmente ci mandi una foto dell’apparecchio e della pastiglia via email (info@essenziali.net)e vediamo se può esserci una soluzione, ma ne dubitiamo fortemente.

      2 Aprile 2018 a 9:17
  • Gabriele rispondere

    Salve ho notato nel mio diffusore ke il vapore non riesce a risalire fin al coperchio per via della ventola sottostante ke non gira più… Ho provato a spingerla manualmente e va!per risolvere il problema è possibile sia un problema al condensatore? E se possibile sostituirlo?

    18 Maggio 2018 a 23:10
    • Redazione rispondere

      Buon giorno. Purtroppo non esistono laboratori che effettuino simili riparazioni. Potrebbe anche essere la ventolina guasta.

      21 Maggio 2018 a 13:12
    • Annachiara rispondere

      Il mio diffusore disperde il fumo per 20/25 cm di altezza, poi ricade intorno. È normale? Mi aspettavo un getto più alto

      26 Ottobre 2019 a 5:33
      • Redazione rispondere

        Buongiorno. Dipende in genere dalla ventola che è montata sul diffusore. Purtroppo in commercio ci sono molti prodotti di qualità dubbia che talvolta hanno un basso prezzo di vendita ma un altrettanto scarso livello qualitativo. Ciò premesso un’altezza del fumo di 20/25 centimetri è abbastanza normale. però solitamente il fumo si diperde e non ricade verso il basso. Soprattutto non deve trovare né acqua né umidità nella zona intorno al diffusore, dove è appoggiato

        26 Ottobre 2019 a 8:31
  • Rosanna Leo rispondere

    Buonasera il mio diffusore si è bloccato dopo pochi minuti dall’accensione se provo a riaccenderlo lampeggia ma non parte cosa può essere successo?

    7 Dicembre 2018 a 16:54
    • Redazione rispondere

      Buona sera. E’ difficile dirlo senza vederlo ma a volte succede quando entra acqua dalla ferritoia di raffreddamento. L’acqua manda in tilt la scheda elettronica mentre le luci che sono meno delicate continuano a funzionare. I fattori possono essere tanti. Dipende anche dalla qualità del diffusore e da come è costruito.

      7 Dicembre 2018 a 20:51
  • DILETTA rispondere

    Bungiorno, ho appena comprato un diffusore ad ultrasuoni ma sono rimasta delusa in quanto, nonostante metta una quantità abbondante di olii essenziali, il profumo è quasi impercettibile! Visto che gli olii non sono solubili in acqua se aggiungessi dell’alcool migliorerebbe la situazione? Ma soprattutto si danneggerebbe l apparecchio?

    17 Dicembre 2018 a 10:55
    • Redazione rispondere

      Purtroppo in commercio si trovano anche diffusori di scarsa qualità. Alcuni non sono dotati della ventola che serve per diffondere bene il “vapore” e quindi il risultato è scarso o nullo. In altri casi la ventola è sottodimensionata. Certamente la diffusione più efficace è quella tramite nebulizzazione ma comunque anche un buon apparecchio ad ultrasuoni può dare risultati soddisfacenti. Non utilizzi assolutamente alcool. Può essere pericoloso! Provi ad aumentare il numero di gocce oppure mediti l’acquisto di un apparecchio nebulizzatore.

      17 Dicembre 2018 a 11:25
  • Marcello rispondere

    Spesso nel foro di uscita del vapore si forma una goccia che impedisce la fuoriuscita dello stesso…. Che fare? Basta rimuovere il coperchio e per un po’ va, ma poi sono punto e a capo

    24 Marzo 2019 a 8:43
    • Redazione rispondere

      E’ molto strano. Solitamente l’uscita è molto più grande di un foro e non ci sono problemi di occlusione. Dipende però da come è costruito il diffusore. Magari non è stato progettato al meglio.

      24 Marzo 2019 a 17:43
  • Rino rispondere

    Salve, mi è stato regalato un diffusore ad ultrasuoni senza marca, volevo sapere se possono rilasciare sostanze tossiche (materiale in ABS) oppure lavorando a freddo questo problema non esiste. Grazie

    26 Marzo 2019 a 6:17
    • Redazione rispondere

      Buongiorno. In linea teorica se è stato immesso sul mercato italiano (o comunque europeo) dovrebbe essere certificato CE e quindi a norma. In ogni caso riteniamo sia difficile il rilascio di sostanze nocive o tossiche. I diffusori ad ultrasuoni non scadano e non si scaldano (se non in minima parte). Pertanto anche ammesso che le plastiche utilizzate contengano sostanze potenzialmente dannose è improbabile un rilascio in atmosfera. Detto questo è sempre meglio acquistare diffusori da rivenditori affidabili ed acquistare prodotti testati. Spesso diffusori troppo economici non funzionano bene e non hanno ventilazione forzata per cui il risultato olfattivo è deludente.

      26 Marzo 2019 a 8:45
      • Franco rispondere

        Ho un diffusore homasy e recentemente non esce più vapore..si forma ma rimane all’interno,dipende forse dal funzionamento della ventola?grato di una risposta

        18 Agosto 2019 a 15:24
        • Redazione rispondere

          Non conosciamo direttamente il marchio da voi acquistato. Si tratta di un apparecchio fabbricato in Cina e venduto a prezzi molto concorrenziali generalmente su Amazon. Bisognerebbe vederlo da vicino per capire la qualità della componentistica utilizzata. Anche se è un guasto inusuale con ogni probabilità si sarà rotto il piccolo ventilatore che serve proprio per spingere all’esterno il “vapore”. Oppure potrebbe esserci un’ostruzione nel “camino” che impedisce la fuoriuscita. Se avete ancora lo scontrino fate valere la garanzia che, in Europa, per i privati è i 24 mesi.

          18 Agosto 2019 a 18:57

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *