Il pericolo dei repellenti antizanzara con DEET

Il pericolo dei repellenti antizanzara con DEET

Con i primi caldi afosi si moltiplica la fastidiosa presenza delle zanzare e la corsa all’acquisto di fornelletti e spray repellenti. Mezzi certamente efficaci ma che hanno una “effetti collaterali” alquanto preoccupanti e potenzialmente dannosi per gli uomini. Il caso più eclatante fu quello del DDT il primo insetticida moderno, utilizzato dagli anni trenta del 900 per debellare la malaria. A partire dal 1972 in America e dal 1978 in Italia la vendita del prodotto venne proibita per i possibili effetti cancerogeni della sostanza.

I rischi del DEET
Ma c’è un altro ingrediente oggi largamente utilizzato che suscita numerose perplessità. E’ la DEET (dietiltoluamide) contenuta in centinaia di prodotti repellenti contro le zanzare ed usato (con concentrazioni variabili) negli Stati Uniti, da almeno un terzo della popolazione. Anche in Italia quasi tutti i più famosi spray antizanzare contengono la DEET.
Vari studi scientifici (1) fanno però pensare che l DEET dovrebbe essere usata con cautela in particolare a causa dei suoi possibili effetti dannosi sulle cellule cerebrali. E’ stato infatti dimostrato in laboratorio
che provoca la morte delle cellule cerebrali ed anche cambiamenti comportamentali nei ratti dopo un uso frequente e prolungato.
L’esposizione continua alla sostanza chimica provocherebbe la morte di neuroni nella parte di cervello che controlla il movimento dei muscoli, l’apprendimento, la memoria e la concentrazione.
Ratti trattati con una dose umana media di DEET (40 mg /kg di peso corporeo ) hanno denotato una risposta molto peggiore del normale in attività che richiedevano forza, controllo muscolare e coordinazione.
Questi risultati del resto sono coerenti con i sintomi emersi sui soldati della guerra del Golfo Persico a seguito dell’uso di prolungato di DEET.

La massiccia esposizione alla DEET e ad altri insetticidi può causare, negli esseri umani, perdita di memoria, mal di testa, debolezza, stanchezza, dolori muscolari e articolari, tremori e mancanza di respiro.
Sintomi che possono comparire a distanza di mesi e addirittura anni.
I problemi più gravi si verificano quando la DEET è usata, frequentemente e per periodi prolungati, soprattutto in concomitanza con altri insetticidi, come la permetrina .
Al momento mancano invece seri studi sugli effetti dell’uso occasionale di DEET sull’uomo.

Certamente il rischio che, soprattutto in combinazione con altre sostanze chimiche o farmaci, la DEET possa causare deficit cerebrali, in particolare nei bambini esiste e quindi è meglio essere prudenti nell’utilizzo ossia usarlo raramente, con parsimonia, non per tempi prolungati e soprattutto non sui bambini che con il loro sistema nervoso ancora in via di sviluppo sono potenzialmente i più a rischio. E’ bene sapere che questa sostanza è spesso presente anche negli shampoo anti-pidocchi.
E’ giusto dire come ad oggi non esista nessuna sostanza che abbia la stessa efficacia antizanzare della DEET.

I rimedi naturali
Vi sono però rimedi naturali basati principalmente sugli oli essenziali che si sono rivelati una buona alternativa: proteggono per meno tempo rispetto alla DEET ma proteggono! Diciamo che l’efficacia è paragonabile a varie formulazione di antizanzare per bambini contenenti una bassa percentuale di DEET. Del resto gli oli essenziali altro non sono altro che “la chimica della natura” e sono stati usati per millenni come rimedio naturale contro le malattie.
Alcuni oli essenziali fra cui il timo, la borraggine, la citronella e la menta hanno tra l’altro un provato (2) effetto larvicida e sono quindi adatti per essere usati per eliminare le larve di zanzare che si sviluppano ad esempio nei sottovasi.

Antizanzara biologici
Per tenere lontane le zanzare esistono in commercio alcuni preparati che contengono esclusivamente oli essenziali biologici e alcool e/o acqua e nessuna sostanza chimica. Sono un’alternativa forse un po’ meno efficace, se paragonata alla DEET, ma certamente più naturale e sana ed anche meno fastidiosa sulla pelle.

Come fare un repellente casalingo
Volendo è anche possibile prepararsi dei buoni antizanzara casalinghi miscelando alcool buongusto o vodka con alcuni oli essenziali individuati, da vari studi scientifici, come efficaci repellenti.
Si tratta principalmente di eucalipto limone, citronella, geranio, lavanda che possono essere la base di un buon repellente. Per creare mix ancora più efficaci si possono aggiungere uno o più oli fra menta, basilico, lemongrass, legno di cedro, rosmarino, tea tree, limone, timo. Alcuni oli hanno maggiore efficacia su determinati tipi di zanzara altri su altre per questo un mix più vario offre maggiore copertura
Per preparare una ricetta casalinga si possono utilizzare circa 90 ml. di alcool buongusto, 10 ml. di acqua (oppure 100 ml di vodka) ed una sessantina di gocce di oli essenziali.

Fonti
1) DEET – Health Effects in Humans http://www.atsdr.cdc.gov/consultations/deet/health-effects.html
Bug spray poisoning – http://www.nlm.nih.gov/medlineplus/ency/article/002763.htm
Popular Insect Repellent Deet Is Neurotoxic – http://www.sciencedaily.com/releases/2009/08/090804193230.htm
2) Bioactivity of selected plant essential oils against the yellow fever mosquito Aedes aegypti larvae – Sen-Sung Chenga, Hui-Ting Changa, Shang-Tzen Chang.
Toxicity of essential oil from Indian borage on the larvae of the African malaria vector mosquito, Anopheles gambiae – Eliningaya J Kweka, Annadurai Senthilkumar and Venugopalan Venkatesalu.
LARVICIDAL ACTIVITY OF ESSENTIAL OILS AGAINST Aedes aegypti and Culex quinquefasciatus LARVAE (DIPTERA: CULICIDAE) – F.Manzoor, K. B. Samreen and Z.Parveen Department of Zoology, Lahore College for Women University, Lahore.

 

Condividi questo post

Comments (2)

  • Alice rispondere

    Ottimo articolo! Io, infatti, per il mio bambino utilizzo alcune gocce di olio essenziale di citronella diluito in olio vegetale (mai utilizzare gli oli essenziali direttamente sulla pelle, specialmente quella dei bambini!!!)e lo applico su braccia e gambe; è un ottimo repellente naturale!

    6 Agosto 2015 a 18:37
  • Dante ferretti rispondere

    La DEET non è un insetticida, ma un repellente.

    13 Agosto 2016 a 16:00

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *